Loading

Focaccia e pasta made in Puglia

24/07/19

24/07

Dopo il prestigioso premio ricevuto per la focaccia più buona d’Italia, il titolare dello storico panificio di Bari vecchia, Antonio Fiore ha visitato uno dei regni della pasta made in Puglia nello stabilimento di Rutigliano ha infatti incontrato i rappresentanti della quarta generazione della F. Divella SpA.

Un incontro tra due modi diversi di interpretare le migliori materie prime del Sud Italia. Il titolare del panificio ha assistito ai processi di lavorazione del grano che si trasforma in farina, la stessa che lui ogni giorno utilizza per sfornare centinaio di focacce. Nello stabilimento, d’altronde, si macinano giornalmente 1.200 tonnellate di grano duro e 400 di grano tenero, prodotto destinato al pastificio, che produce 1.000 tonnellate di pasta di semola al giorno e 35 di pasta fresca, e al biscottificio che sforna 90 tonnellate di biscotti.


Al termine della visita Antonio Fiore ha ricevuto alla F. Divella SpA, nell’occasione rappresentata dal responsabile marketing Francesco Divella, una targa di merito per la solida e proficua collaborazione che dura da generazioni e per l’attenzione alle materie prime di qualità che hanno portato la tradizione della focaccia pugliese a livelli di eccellenza.

Nei giorni scorsi, infatti, il panificio di Bari vecchia ha ricevuto il premio per la «la focaccia più buona d’Italia» durante una manifestazione che si è tenuta all’Eatalyworld di Bologna, parco tematico dedicato al settore agroalimentare e alla gastronomia.

 

Produzione riservata © La Gazzetta del Mezzogiorno